100 anni Comitato Locale CRI e Infermiere Volontarie CRI di Mondovì

Momenti importanti la settimana scorsa a Mondovì, per gli ultimi due appuntamenti dei festeggiamenti per la ricorrenza del centenario dalla nascita della CRI monregalese.

Il primo, giovedì sera al Teatro Baretti, dove i “Sixties Graffiti” hanno tenuto un concerto il cui ricavato verrà interamente devoluto alla Croce Rossa di Mondovì, per aprire uno sportello di ascolto rivolto alle vittime di violenza, chiamato “L’orecchio di Venere”. Sul palco i “magnifici sette”: Corrado LeoneMarco GolinelliAttilio FerruaSandro LavagnaGino BottoAlberto Bracco, e Gianfranco Bruno, che hanno incantato i 300 spettatori del Baretti, in una cornice in cui spiccavano le infermiere volontarie nella loro uniforme da cerimonia e decine di volontari della Croce Rossa in uniforme rossa.

Ferrua-Attilio

Attilio Ferrua

Il secondo, sabato pomeriggio, nella Sala Conferenze del Comune di Mondovì dove è stato presentato, da parte del professor Ernesto Billò, il libro “Cento anni di Croce Rossa a Mondovì” scritto da Maria Teresa Roberi Blengini e Angela Marino Raschieri. Molte le autorità presenti, fra cui i vertici regionali della Croce Rossa, il presidente Antonino Calvano e l’ispettrice delle Infermiere Volontarie, Sorella Emanuela Bigatti ed ancora l’assessore di Mondovì, Mariangela Schellino, in rappresentanza del sindaco Stefano Viglione, il consigliere provinciale neo eletto, Rocco Pulitanò, il dottor Diego Poggio, in rappresentanza dell’Asl Cn1, la dirigente delle Scuole Medie e del 1° Circolo didattico, Elena Sardo, il presidente del Comitato Locale Cri di Mondovì, Paolo Adriano e l’ispettrice delle Infermiere volontarie di Mondovì, Sorella Giuliana Turco.

Mondovì_100-anni-Croce-Rossa_ottobre-2014_1

Ed è stata proprio Sorella Giuliana Turco, in apertura lavori, a spiegare lo scopo del futuro sportello di ascolto “L’orecchio di Venere”, avente come obiettivo l’accoglienza, l’ascolto, l’orientamento ed il sostegno a tutte le persone (donne, bambini, anziani ed uomini) che attraversino un momento di disagio, di confusione, legati a fenomeni di violenza, subita, praticata, o assistita, e che temono per se stessi e per i loro cari.

Poi è seguito l’intervento del professor Ernesto Billò, con la ricostruzione storica dei cento anni non solo della Croce Rossa monregalese, ma della ricorrenza dello scoppio della prima guerra mondiale, con gli scenari in cui le prime crocerossine intervennero a sostegno dei militari feriti. Fra loro sono state ricordate, le Sorelle Irma Gorresio GabetLucia GarelliLucia Ghiglia ed Emilia Occelli, tutte insignite di decorazioni al valore.

Quindi le due autrici hanno raccontato di come hanno ricostruito gli episodi legati ai cento anni, frutto anche di una minuziosa ricerca nella Biblioteca civica, sulle testate storiche “La Gazzetta di Mondovì”, poi diventata “Provincia Granda” e “L’Unione monregalese”.

In sala fra il pubblico anche alcuni familiari di chi contribuì alla nascita della Cri, un secolo fa: Maria Teresa Turbiglio, moglie di Guido Viale, nipote dell’avvocato Guido Viale, uno dei fondatori e Letizia Ravera Falcoz, propinipote di Irma Gorresio Gabet e nipote di Maria Meriggio Gorresio, fondatrice del Sottocomitato Femminile Cri di Mondovì e di congiunti di presidenti succedutisi negli anni: Jolanda Bedarida, figlia di Ugo BedaridaFranca Colombo, moglie del dottor Stefano ColomboMarco Pianetta, figlio di Maria Pianetta e Laura Oreglia, figlia di Pinuccia Oreglia, oltre a due ispettori del primo Sotto-Comitato, Marco Cagnazzi e Guido Gallarate.

La presentazione dei due momenti celebrativi è stata curata da Raffaele Sasso, giornalista e delegato allo sviluppo, comunicazione e promozione del volontariato del Comitato Locale e Provinciale della Cri.

Un bella nota di colore, molto apprezzata anche per il lavoro svolto dalle insegnanti, è stata la Mostra “Come i bambini vedono la Croce Rossa”, con i disegni dei bimbi del 1° Circolo, che hanno interpretato a loro modo l’attività dei volontari e delle crocerossine.

Al termine di entrambi gli incontri è seguito un rinfresco, servito dai volontari della Croce Rossa e allestito dal Caffè Noir di Alby.

Mondovì_100-anni-Croce-Rossa_ottobre-2014_2

  

Link sponsorizzati

Lascia una risposta.

  • provincia lavoro

    Provincia di Cuneo cerca 5 persone da assumere a tempo pieno e indeterminato

    da on 25 novembre 2021 - 0 Commenti

    La Provincia di Cuneo ha pubblicato tre bandi di concorso per la copertura di un totale di 5 posti presso il Servizio Europa Interventi Strategici (Seis), la nuova struttura istituita dall’ente come supporto agli enti locali della Granda per la progettazione e l’attuazione di interventi su fondi europei. Le domande devono essere presentate entro giovedì 23 dicembre […]

  • croce rossa

    Il Servizio Civile nelle sedi della Croce Rossa della Provincia di Cuneo

    da on 23 dicembre 2021 - 0 Commenti

    Il 4 dicembre 2021 è stato pubblicato il Decreto dei progetti di Servizio Civile Universale finanziati, dove sono previsti 239 giovani di età compresa tra 18 e 28 anni da impiegare nelle 32 sedi della Croce Rossa della Provincia di Cuneo, in uno dei progetti presentati e approvati dal Ministero.  Nel 2021, in provincia di Cuneo, la CRI […]

  • Tamponi Capodanno 2021

    A Cuneo la Croce Rossa offre tamponi rapidi gratuiti

    da on 30 dicembre 2021 - 0 Commenti

    Con il vertiginoso aumento dei positivi da Covid 19 e con l’avvicinarsi della notte di San Silvestro che porterà i cuneesi a riunirsi in famiglia per il tradizionale cenone, la Croce Rossa di Cuneo offre la possibilità di effettuare uno screening tramite tampone rapido così da passare un Capodanno in sicurezza. I tamponi verranno effettuati […]

  • presepe

    A Villanova Mondovì l'edizione 2021 di Presepi in Grotta

    da on 22 dicembre 2021 - 0 Commenti

    A Villanova Mondovì, dal 25 dicembre 2021 al 6 gennaio 2022, va in scena la XXI edizione del concorso Presepi in Grotta. Apertura tutti i giorni con le visite guidate alle ore 15,16 e 17. Successivamente tutte le domeniche fino a fine gennaio con lo stesso orario. Come sempre, dopo la visita guidata, i visitatori avranno tutto […]