Ambulatorio gratuito presso CRI Mondovì grazie a Un sorriso per Giorgia

Anche quest’anno la “Famija Monregaleisa” organizzatrice del  “Carlevè ’d Mondovì” ha promosso la manifestazione “Un sorriso per Giorgia” 2015, organizzando al Teatro Baretti, lo spettacolo de “Trelilu”, con l’obiettivo di attuare il progetto “In vena di solidarietà” che ha visto destinare parte del ricavato – per volere di Stefania e Silvio Cavarero genitori della piccola, mancata dieci anni fa – al  Comitato locale della Croce Rossa di Mondovì, per contribuire ad allestire un ambulatorio medico gratuito, presso la sede CRI. Per questo impegno il presidente del Comitato Locale Cri di Mondovì, avvocato Paolo Adriano, ha espresso il grazie più sentito a chi ha voluto sostenere l’iniziativa.

Spiega il dottor Edoardo Belgrano, che segue l’ambulatorio: «La crisi economica che ha colpito il nostro paese, ha creato condizioni di povertà  che non hanno precedenti. Le  difficoltà nel mondo del lavoro hanno determinato condizioni critiche  in tante famiglie sia italiane che straniere. Sono in molti ormai quelli che  non sono in grado di  pagare farmaci non a carico del servizio sanitario nazionale. Le persone meno abbienti, inoltre non riescono a pagare il ticket per una visita specialistica. Per cercare di venire incontro alle esigenze di color che soffrono  due volte, una perché sono malate e una perché non hanno i soldi per curarsi, la Caritas diocesana  e la Croce Rossa Italiana di Mondovì  si sono unite per dar vita alla realizzazione di un ambulatorio medico. La CRI ha messo a disposizione i locali, le attrezzature e il personale infermieristico, mentre alcuni medici volontari hanno dato la loro disponibilità per le visite mediche e la Caritas si è fatta  carico della spesa farmaceutica, nei limiti delle sue possibilità. L’attività dell’ambulatorio nasce dopo un incontro con i responsabili della medicina e dell’assistenza sanitaria territoriale  dell’Asl Cn1 del distretto di Mondovi e  dopo una riunione con l’equipe dei medici di medicina generale».

Lo scopo dell’iniziativa è quello di garantire l’assistenza medica a coloro che non possono fruire del Sistema Sanitario Nazionale o che fanno difficoltà a gestire i propri problemi di salute, per le condizioni di marginalità sociale e/o di eterogeneità culturale in cui si trovano: persone immigrate senza permesso di soggiorno, poveri e senza fissa dimora, per lo più senza assistenza sanitaria. Ma c’è anche chi, godendo dell’assistenza sanitaria, non ha i mezzi finanziari per pagare farmaci di fascia C, gli esami e i ticket per le prestazioni mediche. Vengono  visitati e si prescrivono i farmaci ai pazienti inviati dalla Caritas di Mondovì e dalle Caritas del territorio e a tutti quelli che si rivolgono all’ambulatorio trovandosi nelle condizioni anzidette. I pazienti presentano la ricetta presso due  farmacie della città,che hanno stipulato una convenzione con la Caritas, e ricevono gratuitamente il farmaco  necessario. Per aiutare queste persone , inoltre, un gruppo  di medici  specialisti ha dato la disponibilità per visitare, su appuntamento, e gratuitamente, le persone che presentano importanti patologie specialistiche.

L’ambulatorio medico-sociale di Mondovì nasce da analoghe esperienze già attive da anni a Cuneo, Torino e in tante regioni italiane nell’intento di  dare un piccolo contributo per assicurare a tutti il diritto alla salute ed è collocato nella sede della Croce Rossa Italiana di Mondovi – Via Croce Rossa, 4 – ed è  aperto tutti i giovedì dalle ore 15 alle ore 17.

 

nella foto, Stefania e Silvio Cavarero col presidente della “Famija Monregaleisa”, Enrico Natta

  

Link sponsorizzati

Lascia una risposta.

  • L'importanza cruciale delle pompe sommerse nel mondo moderno

    da on 22 Gennaio 2024 - 0 Commenti

    Nel contesto del mondo moderno, caratterizzato da una costante ricerca di soluzioni efficienti e sostenibili, le pompe sommerse rivestono un ruolo fondamentale. Questi dispositivi, spesso non visibili e silenziosi, operano nelle profondità dei corpi idrici, svolgendo funzioni essenziali per una vasta gamma di applicazioni industriali, agricole e domestiche.

  •  Bra, cercasi nuovo gestore per il canile intercomunale di Pollenzo

    da on 18 Gennaio 2024 - 0 Commenti

    L’Amministrazione braidese e gli altri comuni consorziati sono alla ricerca di un nuovo gestore per il servizio complesso di cattura dei cani vaganti o randagi nei diversi territori comunali, del canile sanitario intercomunale di Pollenzo, dell’area per la promozione dell’affidamento e dei cani in canile-rifugio. A tale proposito è stata indetta una procedura di selezione […]

  • A Bra ci sono 22 posti per il Servizio Civile Universale

    da on 22 Gennaio 2024 - 0 Commenti

    Anche nel 2024 Bra offrirà a tanti giovani tra i 18 e i 28 anni di età la possibilità di prendere parte al Servizio Civile Universale, dedicando alla comunità un periodo della propria vita compreso tra 8 e 12 mesi. Il servizio prevede, dietro il pagamento di assegno mensile di 507,30 euro, un impegno per […]

  • Trattoria di Carrù cerca cameriera/e

    da on 18 Gennaio 2024 - 0 Commenti

    Come si può evincere dall’annuncio riportato nel gruppo facebook “6 della Granda se…”, la Trattoria “I Magnin” di Carrù è alla ricerca di una cameriera o di un cameriere. Viene richiest esperienza per un lavoro da svolgere durante i weekend e nei giorni festivi.

  • Quattro tirocini per giovani negli uffici del Comune di Bra

    da on 21 Gennaio 2024 - 0 Commenti

    Anche nel 2024 il Comune di Bra ha indetto un bando di candidatura per l’attivazione di alcuni tirocini, da svolgersi all’interno degli uffici municipali, in favore di cittadini braidesi di età compresa tra i 18 e i 32 anni in possesso di diploma di scuola superiore o di laurea. I posti a disposizione per questa […]