Progetto Hikikomori: proseguono gli incontri formativi per i genitori

Dopo la prima fase di costruzione della rete e delle collaborazioni sul territorio, il progetto Hikikomori, ragazzi chiusi alle relazioni reali ha avviato i primi incontri pubblici di sensibilizzazione rivolti ai genitori. I primi incontri, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Ing. S. Grandis e il Comune di Borgo San Dalmazzo, si sono svolti presso l’Auditorium Bertello, martedì 14 e 28 novembre (per i genitori delle Scuole Secondarie di primo grado) e lunedì 20 novembre e 11 dicembre alle 17,30 (per i genitori delle Scuole Primarie.)

A breve seguiranno gli incontri organizzati in collaborazione con gli Istituti Comprensivi Via Sobrero e Viale Angeli di Cuneo presso la Sala Einaudi, previsti giovedì 11 e 25 gennaio alle ore 20,45 per i genitori delle Scuole Medie e lunedì 15 e 29 gennaio alle 17,30 per i genitori delle Scuole Primarie.

Capofila del progetto Hikikomori è il Comune di Cuneo, con la partnership dell’ASLCN1, il Consorzio Socio Assistenziale del Cuneese, l’Ufficio Scolastico Provinciale, l’ ITC Bonelli Cuneo, la cooperativa sociale Emmanuele, le associazioni EsseOesse.net Onlus e Fiori sulla luna, l’Istituto di ricerca e formazione Eclectica.
Il progetto intende creare un sistema di protezione intorno alle nuove generazioni, coinvolgendo l’intera “comunità educante”: genitori, insegnanti, allenatori, operatori.

È nato così il ciclo di incontri serali GENITORI AI TEMPI DEL WEB: tecnologie digitali, relazioni e sfide educativerivolto ai genitori con figli frequentanti le Scuole Primarie e le Scuole Medie del territorio. Pur essendo il ritiro sociale un fenomeno che coinvolge ragazzi adolescenti, che a poco a poco smettono di frequentare la scuola e gli altri ambienti sociali per ritirarsi nel mondo virtuale della rete, si ritiene fondamentale il lavoro anticipato con le famiglie per sensibilizzarle precocemente alle migliori strategie per affrontare la crisi e il passaggio adolescenziale.

Gli incontri sono condotti da Enrico Santero, Counsellor esperto in accompagnamento alla genitorialità dellaCooperativa Sociale Emmanuele, e Giuseppe Masengo, Media educator e formatore specializzato in tecnologie digitali di Steadycam Off. Le serate formative, gratuite e a libero accesso, sono l’occasione per informarsi su smartphone, social network, videogiochi, ecc. e sull’uso che ne fanno i ragazzi nonché per confrontarsi sugli atteggiamenti educativi che aiutano i figli nel gestire tali strumenti e nel relazionarsi efficacemente e serenamente con i coetanei. Obiettivo delle serate, oltre a fornire informazioni e stimoli sul web e le nuove tecnologie, è sensibilizzare i genitori ai cambiamenti e alle sfide relazionali, corporee e identitarie che i propri figli affronteranno, consapevoli del ruolo fondamentale di supporto che possono giocare nella costruzione di un clima di dialogo, sostegno e fiducia.

Per informazioni: cooperativa Sociale Emmanuele, 0171.344209, e-mail progetti@emmanuele-onlus.org

  

Link sponsorizzati

Hai già letto…

Tweets cuneesi