Sport, Escursionismo & Fitness
Corsi, lezioni, laboratori
Immobili vendita/acquisto in provincia
Immobili in affitto in provincia
Immobili vendita fuori provincia
Attività commerciali
Automezzi ed accessori
Cicli, motocicli ed altri veicoli
Offerte di lavoro
Ricerche di lavoro
Per la persona
Per la terza età
Per il bambino e il ragazzo
Per la casa
Per il lavoro
Animali
Informatica & Telefonia
Giochi & Videogiochi
Fotografia, Video & TV
Musica & Audio
Turismo, vacanze, viaggi e gite
Mangiare & Bere
Collezionismo, antiquariato, editoria
Bandi e concorsi
Volontariato in provincia di Cuneo
Dove mangiare in provincia di Cuneo
Dove dormire in provincia di Cuneo
Prestazioni professionali
Cuori solitari, incontri e amicizie
Per tutto il resto...
Inserisci un annuncio
Notizie Cuneo provincia
Rassegne e mostre in prov...
Mostre e musei permanenti
Notizie Cuneo 0171
Notizie Cuneo 0172
Notizie Cuneo 0173
Notizie Cuneo 0174
Notizie Cuneo 0175
Utilità provincia di Cune...
Politica Cuneo provincia
Sport Cuneo provincia
Notizie Piemonte
Spazio Umorismo
Spazio Arte
A tavola (con Gloria!)
Al cinema
Curiosità Piccanti
Shopping/comprare on-line...
SPECIALE NATALE






News Condividi ^ indietro | Segnala questa news a un amico
Olympia - Édouard Manet
Data: Mer, 02 Aprile 2008

1863
Musée d’Orsay, Parigi
Olio su tela, 130,5 x 190 cm

Il dipinto fu esposto nel 1865 al Salon, dove in circostanze normali sarebbe stato respinto, ma la giuria era diventata più malleabile in seguito al Salon des Refusés. La tela suscitò uno scandalo di dimensioni enormi, che condannò definitivamente Manet a una carriera in perenne lotta con i circoli ufficiali, bollato quale provocatore dedito all’insulto della morale borghese.
Come già per Le déjeuner sur l’herbe, opera precedente in cui due allegri compari fanno un picnic con una donna nuda, l’artista interpreta due celebri fonti: La Venere di Urbino di Tiziano e La Maja Desnuda di Goya, trasgredendole in modo analogo. Manca nuovamente qualsiasi tipo di idealizzazione e non c’è, inoltre, alcuna possibilità di equivoco circa l’identità della protagonista: “ Ha il grave difetto di assomigliare a molte signorine che conoscete. E poi quella strana mania di dipingere diversamente dagli altri! Se almeno Manet avesse preso in prestito da Cabanel il piumino di cipria…” In tre sole righe Émile Zola coglieva il potenziale scandaloso di Olympia, soggetto tratto dalla “vita moderna”, senza alcun travestimento storico, reso in uno stile innovativo, che rifiutava le leziosità della pittura alla moda. Il parallelo con Cabanel è tanto più calzante, in quanto egli aveva trionfato nel 1853 con un sensuale nudo disteso, dal titolo La Nascita di Venere.
Niente, invece, nel quadro di Manet lasciava a dubitare che si trattasse di una prostituta , dal nome Olympia all’epoca caratteristico tra le prostitute, alle pantofole da cortigiana, al nastrino di raso nero al collo della donna, tipico delle prostitute del tempo. La donna raffigurata è magra, contro la moda del tempo che preferiva una donna "in carne", considerata più attraente. Olympia, raffigurata in una posa classica, scioccò anche per il modo in cui il soggetto sembra guardare negli occhi l'osservatore (sguardo di sfida), mentre la cameriera di colore porge un mazzo di fiori da un presunto corteggiatore. Ma il motivo principale per cui il dipinto fece scalpore, era la rappresentazione di una donna sul "posto di lavoro" in quanto prostituta. Anche se la mano sinistra copre il pube, il riferimento al pudore e alla tradizionale virtù femminile è ironico. Il pittore dipinge la donna di colore per creare uno spazio più "normale" in quanto la presenza di una donna bianca,avrebbe conferito allo spazio una tonalità troppo "pulita,ideale".  
Sul lato destro in fondo al letto compare un gatto nero, che inevitabilmente si contrappone in modo alquanto malizioso al tipico cagnolino che accompagnava Venere. Alla fedeltà (in questo caso coniugale) rappresentata dal migliore amico dell’uomo viene contrapposto l’amore mercenario rappresentato dal gatto nero da sempre animale sinistro e negativo.
Manet è poi ricorso ad una stesura cruda, costruendo l’opera sul contrasto, ritenuto brutale, delle zone chiare e scure, creando un’opera priva di profondità, mentre proprio i raffinatissimi accostamenti di tono e la sintesi plastica fanno dell’opera un capolavoro.


 

Questa newsè stata visitata 3252 volte

Commenti su questa news
(per inserire un commento devi essere autenticato)
Nessun commento

» Legenda dei simboli (?)


Ti potrebbe anche interessare...

 

Inserisci annuncio GRATIS subito
Registrati gratis!!! (potrai gestire i tuoi annunci)


» Sottoscrivi

Utenti connessi: 7
Registrati: 0
Anonimi: 7
 
©2004 - 2011 CuneoAnnunci.it - Tutti i diritti riservati