Sport, Escursionismo & Fitness
Corsi, lezioni, laboratori
Immobili vendita/acquisto in provincia
Immobili in affitto in provincia
Immobili vendita fuori provincia
Attività commerciali
Automezzi ed accessori
Cicli, motocicli ed altri veicoli
Offerte di lavoro
Ricerche di lavoro
Per la persona
Per la terza età
Per il bambino e il ragazzo
Per la casa
Per il lavoro
Animali
Informatica & Telefonia
Giochi & Videogiochi
Fotografia, Video & TV
Musica & Audio
Turismo, vacanze, viaggi e gite
Mangiare & Bere
Collezionismo, antiquariato, editoria
Bandi e concorsi
Volontariato in provincia di Cuneo
Dove mangiare in provincia di Cuneo
Dove dormire in provincia di Cuneo
Prestazioni professionali
Cuori solitari, incontri e amicizie
Per tutto il resto...
Inserisci un annuncio
Notizie Cuneo provincia
Rassegne e mostre in prov...
Mostre e musei permanenti
Notizie Cuneo 0171
Notizie Cuneo 0172
Notizie Cuneo 0173
Notizie Cuneo 0174
Notizie Cuneo 0175
Utilità provincia di Cune...
Politica Cuneo provincia
Sport Cuneo provincia
Notizie Piemonte
Spazio Umorismo
Spazio Arte
A tavola (con Gloria!)
Al cinema
Curiosità Piccanti
Shopping/comprare on-line...
SPECIALE NATALE






News Condividi ^ indietro | Segnala questa news a un amico
La nascita di Venere - Botticelli
Data: Mer, 05 Marzo 2008

1484
Galleria degli Uffizi, Firenze
Tempera su tela, 184,5 x 285,5 cm

Anche di questa vera e propria opera del Rinascimento non conosciamo né la data precisa, né l’occasione e la committenza per la quale fu eseguita.  L’opera è stata datata variamente, ma pare pertinente collocarne l’esecuzione dopo il soggiorno romano.  Il titolo che rende famosa la tela risale al secolo scorso e si deve la sua errata interpretazione come Venere Anadiopmene (sorgente dal mare) , soggetto che in antichità ha reso famoso il pittore greco Apelle. Qui in realtà Botticelli, ispirato agli scritti di Omero e Virgilio e forse ai versi dell’amico Poliziano, narra un altro episodio del mito della dea: l’approdo all’isola di Citera o Cipro.
Nel paesaggio marino rappresentato con massima semplicità, al centro della tela, Venere sorge dalla spuma del mare nuda in piedi su una valva di conchiglia approda sulla spiaggia; a destra Ora della Primavera, una delle ninfe che presiedono al mutare delle stagioni, accorre a coprire la dea, porgendo un mantello di seta ricamato con margherite e altri fiori. A sinistra, Zefiro (il vento fecondatore) e Clori (la ninfa che simboleggia la fisicità dell'atto d'amore), dolcemente abbracciati mentre dal cielo piovono rose, soffiano per sospingere Venere all’approdo.
 Se le figure di sinistra  derivano da quelle raffigurate sulla Tazza farnese,ora al Museo Archeologico di Napoli e all’epoca nella collezione delle gemme di Lorenzo il Magnifico, la posa della figura principale è ispirata al tipo scultoreo antico  della Venus pudica, nota fin dal Medioevo.
Il soffio vitale offerto dai due amanti, Zefiro e Clori e la vestizione da parte della ninfa sono i due lati ideali di un triangolo al vertice del quale si pone Venere che diviene, quindi, l'elemento mediano dell'intera scena e ci ammonisce sulla necessità di equilibrio, nell'esperienza amorosa, tra passione fisica e purezza spirituale, tra esaltazione dei sensi e elevazione dell'essenza.
Un'interpretazione più accurata dell'opera porta a credere che la figura femminile abbracciata a Zefiro sia Bora, altro importante vento che spira sull'isola di Cipro. Venere, qui rappresentata nel momento del suo arrivo sull'isola (Afrodite è spesso definita la Cipride) è nata dal pene di Urano che dopo l'evirazione da parte di Crono è caduto in mare fondendosi alla schiuma delle onde. È questa quindi una rappresentazione della Venere Uranea o Celeste, ragion pura e bellezza più alta nei sensi, in contrapposizione con la Venere terrena della Primavera . La Simbologia, come sempre nel Botticelli, assume un ruolo fondamentale nell'opera, fondendo i nuovi ideali cristiani con la grandiosità del mito classico. Non a caso quindi il manto offerto dall'Ora a Venere è rosa e decorato con fiori, simbolo del battesimo di Cristo, mentre il fiordaliso nella storia dell'arte è la rappresentazioni della "vergine regina dei cieli".

La presenza di rami di mirto è da ricondurre infine alla concezione di "Sacra Venere" di cui questo ne è simbolo.
Al pari della Primavera anche quest’opera testimonia il periodo più armonioso e sereno dell’arte di Botticelli, legato all’atmosfera napoleonica della civiltà laurenziana: ancora una volta  la fusione di Spirito e Materia, l’armonioso connubio di Idea e Natura.
Anziché i colori brillanti e corposi  della Primavera, l’opera risulta dipinta con un composto di tuorlo diluito con una vernice leggera che la rendono simile ad un affresco. I colori sono chiari e puri, le forme nette, raffinatissime e trovano la loro sublimazione nel nudo statuario e pudico della dea. Il disegno è armonico, delicato; le linee sono elegantissime e creano, nelle onde appena increspate, nel gonfiarsi delle vesti, nel fluire armonico dei capelli della dea e nello stesso profilo della spiaggia , dei giochi decorativi sinuosi e aggraziati.


 

Questa newsè stata visitata 2041 volte

Commenti su questa news
(per inserire un commento devi essere autenticato)
Nessun commento

» Legenda dei simboli (?)


Ti potrebbe anche interessare...

 

Inserisci annuncio GRATIS subito
Registrati gratis!!! (potrai gestire i tuoi annunci)


» Sottoscrivi

Utenti connessi: 10
Registrati: 0
Anonimi: 10
 
©2004 - 2011 CuneoAnnunci.it - Tutti i diritti riservati