Sport, Escursionismo & Fitness
Corsi, lezioni, laboratori
Immobili vendita/acquisto in provincia
Immobili in affitto in provincia
Immobili vendita fuori provincia
Attività commerciali
Automezzi ed accessori
Cicli, motocicli ed altri veicoli
Offerte di lavoro
Ricerche di lavoro
Per la persona
Per la terza età
Per il bambino e il ragazzo
Per la casa
Per il lavoro
Animali
Informatica & Telefonia
Giochi & Videogiochi
Fotografia, Video & TV
Musica & Audio
Turismo, vacanze, viaggi e gite
Mangiare & Bere
Collezionismo, antiquariato, editoria
Bandi e concorsi
Volontariato in provincia di Cuneo
Dove mangiare in provincia di Cuneo
Dove dormire in provincia di Cuneo
Prestazioni professionali
Cuori solitari, incontri e amicizie
Per tutto il resto...
Inserisci un annuncio
Notizie Cuneo provincia
Rassegne e mostre in prov...
Mostre e musei permanenti
Notizie Cuneo 0171
Notizie Cuneo 0172
Notizie Cuneo 0173
Notizie Cuneo 0174
Notizie Cuneo 0175
Utilità provincia di Cune...
Politica Cuneo provincia
Sport Cuneo provincia
Notizie Piemonte
Spazio Umorismo
Spazio Arte
A tavola (con Gloria!)
Al cinema
Curiosità Piccanti
Shopping/comprare on-line...
SPECIALE NATALE






News Condividi ^ indietro | Segnala questa news a un amico
Discobolo – Mirone
Data: Mer, 16 Gennaio 2008

445 a.C.
Museo Nazionale Romano, Roma
Copia in marmo dell’originale in bronzo
altezza 124 cm


Il Discobolo (greco= lanciatore di disco)è una scultura realizzata da Mirone intorno al 455 a.C., che rappresenta un atleta che sta per lanciare un disco.
Luciano di Samosata, scrittore e retore greco, nel II secolo d.C. descrisse  il Discobolo come una statua realizzata da Mirone che "si inarca nella posizione tipica di chi è in procinto di lanciare...".
Fu proprio grazie a questa preziosa testimonianza che gli archeologi hanno potuto riconoscere numerose copie dell'originale in bronzo, che purtroppo non è pervenuto ai giorni nostri.
Il bronzo forse fu realizzato per la città di Sparta e rappresentava
l’eroe Hyakinthos (Giacinto); quest’ultimo si narra che fosse amato da Apollo, il quale l’avrebbe ucciso involontariamente proprio con un disco e poi con il suo sangue avrebbe creato il fiore omonimo. Probabilmente, in seguito, nel 451 a.C., Mirone realizzò una seconda versione del Discobolo per la città di Atene.
Il corpo del giovane è raccolto, concentrato. L'artista con grande precisione e cura dei particolari mette in scena il momento che precede il lancio. Il volto del fanciullo è fisso, concentrato. Tutto sembra pronto. Lo spettatore pazientemente attende e continua a contemplare, estasiato, il discobolo perché crede che questo, da un momento all'altro, possa tirare il disco.
La scultura si articola in due grandi linee. La prima è un grande arco che va dalla mano che regge il disco al tallone del piede flesso; la seconda linea è una serpentina ad esse che va dalla testa al tallone del piede poggiato a terra.
Il Discobolo richiama alla mente le figure dei frontoni. Il trattamento dei capelli a calotta è tipico delle prime effigi in bronzo e questa particolare capigliatura conferisce alla statua un tocco di arcaismo.
Mirone è ricordato per la decisione di rappresentare realisticamente le sue opere e parchè coglieva i suoi personaggi nel momento prima di compiere qualche azione, ed il Discobolo grazie a lui divenne il simbolo dell'atleta per eccellenza.

Delle copie ritrovate la migliore, la più fedele all'originale e la più integra è quella attualmente conservata a Roma, presso il Museo Nazionale Romano, detta Lancellotti.


 

Questa newsè stata visitata 4654 volte

Commenti su questa news
(per inserire un commento devi essere autenticato)
Nessun commento

» Legenda dei simboli (?)


Ti potrebbe anche interessare...

 

Inserisci annuncio GRATIS subito
Registrati gratis!!! (potrai gestire i tuoi annunci)


» Sottoscrivi

Utenti connessi: 7
Registrati: 0
Anonimi: 7
 
©2004 - 2011 CuneoAnnunci.it - Tutti i diritti riservati