La Calà Gino Giordanengo del Parco Fluviale Gesso e Stura si rinnova

Sono passati sei anni dalla sua inaugurazione ed è dunque tempo di un primo restyling per la Calà Gino Giordanengo, il percorso tematico storico-culturale del Parco fluviale Gesso e Stura dedicato al poeta cuneese che fu inaugurato nell’ormai lontano aprile 2008.Il percorso, lungo la discesa che dal Viale degli Angeli porta all’area relax sotto il Santuario, è composto da una bacheca (posta all’imbocco del percorso, appena svoltato dal viale) e dieci leggii, tutti dedicati ai versi e gli scritti del poeta cuneese, profondamente legato alla sua città e ai fiumi, che si è adoperato in prima persona per far conoscere il territorio che tanto amava. Direttore dell’Ente Provinciale per il Turismo quando ancora il turismo nella Granda stava nascendo, ma soprattutto un cuneese che con il territorio fluviale, e tutto ciò che esso significa, ha avuto un rapporto strettissimo, un testimone di quanto i fiumi abbiano inciso sulla vita della città e dei suoi cittadini.

Per questo il Parco, che ora di quei fiumi si è fatto portatore di tutela e salvaguardia, ha voluto dedicargli uno dei suoi percorsi, forse il più frequentato dai cuneesi e più vicino alla città. Un percorso che vuole essere una sorta di viaggio attraverso tradizioni e abitudini di vita, suggestioni ed emozioni, con al centro sempre, inevitabilmente, i fiumi. Mezzo di questo viaggio i pensieri e i versi del poeta cuneese, accanto alle opere di artisti a lui contemporanei, come Prandoni, Marabotto, Lattes, Scoffone, Tribaudino, Francotto, Olivero, che quel pezzo di storia della nostra
città, dipinto nelle parole di Gino, hanno messo su tela.

Cala-Gino-Giordanengo_leggio

leggìo

 

Un unico leggio è invece posto sul Viale degli Angeli, a fianco della “bialera” che Gino aveva difeso dall’ipotesi di intubarla, nel 1967, scrivendo un’appassionata lettera all’allora sindaco, Tancredi Dotta Rosso. Ora il percorso è stato rinnovato, con la ristampa dei leggii, che il sole e le intemperie avevano reso illeggibili, e la realizzazione, grazie ad un progetto ideato e realizzato dai ragazzi del Servizio Civile Nazionale del Parco, della scritta “Calà Gino Giordanengo” sul selciato, perché rimanga ben visibile il ricordo e l’omaggio che il Parco e la città hanno voluto fare a Gino. E al suo amore per quel territorio che tanto amava: “Vi sono uomini che hanno girato il mondo senza imparare nulla e ragazzi che hanno conquistato saggezza, vivendo più di una vita sul greto di un torrente”
scriveva.

Cala-Gino-Giordanengo_scritta

  

Link sponsorizzati

Lascia una risposta.

  • offerte-di-lavoro

    BORGO SAN DALMAZZO: in Comune a disposizione 4 posti di lavoro a tempo indeterminato

    da on 6 giugno 2019 - 0 Commenti

    Il Comune di Borgo San Dalmazzo rende noto ai Dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni l’avvio di quattro procedimenti di mobilità volontaria per la copertura dei seguenti posti.

  • voucher scuola

    Diritto allo studio in Piemonte: apre il bando per il nuovo voucher scuola

    da on 17 aprile 2019 - 0 Commenti

    Aprirà giovedì 18 aprile e resterà aperto fino al 30 maggio 2019 il bando per il nuovo voucher scuola, il ticket virtuale introdotto in Piemonte nel 2017 per gli acquisti legati al diritto allo studio, che si presenta quest’anno con alcune importanti novità. In primo luogo, per ampliare la platea dei potenziali beneficiari ed evitare […]

  • le-principesse-contemporanee_fabrizio-gavatorta

    CUNEO: “ Le Principesse Contemporanee ” di Fabrizio Gavatorta a Palazzo Samone

    da on 17 aprile 2019 - 0 Commenti

    Cuneo. Il primo Piano di Palazzo Samone, edificio costruito dall’architetto cuneese Pio Eula su richiesta dei Bruno, Conti di Samone, sarà la splendida cornice che ospiterà la mostra personale di Fabrizio Gavatorta, noto nel mondo dell’Arte come il Pittore delle ombre, dal titolo rievocativo “RINASCENZA Le Principesse Contemporanee”.

  • iscrizione albo giudici popolari

    BRA: iscrizione agli albi dei Giudici popolari

    da on 17 aprile 2019 - 0 Commenti

    Bra. Fino al 31 luglio è possibile presentare domanda per l’iscrizione nell’Albo dei Giudici popolari di Corte d’Assise e di Corte d’Assise d’Appello. I cittadini interessati ad essere inseriti negli elenchi dovranno presentare domanda entro la scadenza indicata, utilizzando il modulo reperibile all’Ufficio elettorale del Comune di Bra (via Barbacana 6, primo piano) o sul […]

  • libro lettura

    BRA: Biblioteca "aperta per ferie"

    da on 6 giugno 2019 - 0 Commenti

    Porte aperte all’estate in biblioteca civica a Bra. Anche nella bella stagione, la “Giovanni Arpino” di via Guala attende lettori grandi e piccini nei suoi locali climatizzati, per prendere in prestito libri o sfogliare giornali, riviste e manuali.